Oculus Rift test: Atto Secondo

FINALMENTE OCULUS SI MOSTRA

Dopo svariate peripezie e consultazione vocabolario delle parolacce finalmente si è mostrato a me in tutta la sua “esperienza”.

I problemi di sfarfallio erano dovuti al riduttore miniport display, il quale deve essere passivo e non attivo.

Siccome ogni progresso cerco di fotografarlo ho avuto una piacevole sorpresa, preso in mano il Tablet ed inquadrata la vittima di turno, tac mi appaiono dei simpatici punti blu. Sicuramente servono per il tracking, poi indagherò a fondo.

OculusTest2

Ormai sono quasi due giorni che lo maneggio,  e ricordo bene un pensiero che ho avuto la prima volta:”Ma quanti fili ci sono????”.

In effetti ce ne sono un po’, ma una volta montato il tutto e capito il meccanismo rimane solo un filo (in effetti sono due cavi “appiccicati), che da Oculus vanno al case del PC. In pratica abbiamo bisogno di

La prima volta è stata epica, tra i fili di Oculus, quelli delle cuffie (roccat kave 5.1), mouse, tastiera ecc… Sembravo una centrale elettrica.

Test ed considerazioni:

Constatato che tutto funzionava mi sono lanciato nella classica simulazione roll coaster, nello specifico UE4Rollercoaster v1.0.

Primo impatto ottimo, qualche problema grafico (bisogna lavorare con il CCC  nel mio caso) ed FPS belli stabili. Il tutto ha girato liscio liscio.

Ho eseguito due giri consecutivi della giostra ed a metà della secondo sono arrivati i  primi sintomi simil…boh non so come definirli. Vai in picchiata e ti sembra di andarci….ovvio che il corpo è fermo ma le sensazioni non mancano.